Progetto della Regione con fondi UE per la creazione del polo

La Regione FVG darà vita all’Osservatorio sul comparto con fondi per 300mila euro.

Vincenzo Caico gio 11.1.2018, 11:24

Analizzare le nuove esigenze delle imprese dell’economia del mare per impostare percorsi di orientamento, formazione e apprendistato capaci di proiettare i giovani lavoratori nella transizione epocale dell’industria 4.0. Con questo obiettivo la Regione Friuli Venezia Giulia darà vita all’Osservatorio sui fabbisogni del comparto, creato grazie a un finanziamento europeo di 300mila euro e inserito nel Polo tecnico-professionale dell’economia del mare del Fvg, che interessa oggi cantieristica, nautica da diporto, produzioni offshore, trasporti marittimi e logistica. All’iniziativa parteciperanno Maritime technology cluster, Associazione piccole e medie industrie, Ires Fvg e Confindustria.

Come spiegato dall’assessore al Lavoro, Loredana Panariti, "l’iniziativa ha l’obiettivo di rilevare e analizzare le necessità formative e occupazionali delle imprese di questa filiera, strategica per lo sviluppo del territorio". L’osservatorio lavorerà con i soggetti pubblici e privati interessati allo sviluppo di percorsi di formazione che possano preparare a mestieri che oggi esistono solo a livello teorico e che la rivoluzione produttiva in atto renderà invece indispensabili. Saranno coinvolte scuole, enti di formazione e imprese, di cui si analizzeranno fatturati, competenze richieste e disponibilità a ospitare esperienze di alternanza scuola-lavoro. "Lo scopo è la riprogettazione della formazione", ha concluso Panariti.

In Fvg si rafforza dunque la creazione di un sistema di istruzione e formazione ad alta specializzazione professionale e tecnologica in un’ottica di rete che intensifichi i rapporti tra sistema di formazione e realtà produttive, aumentando la possibilità degli studenti di trovare un lavoro adatto al proprio profilo. L’indagine riguarderà anche le imprese che partecipano indirettamente all’economia del mare, come ad esempio le aziende friulane dell’impiantistica e degli allestimenti.

Verranno inoltre realizzate azioni di orientamento per favorire la conoscenza delle filiere produttive e delle professioni del comparto, l’alternanza scuola lavoro, la certificazione delle competenze, nonché la revisione e integrazione dell’offerta scolastica e formativa.

[Da Il piccolo - 10 novembre 2017]

Articoli simili

Digital Transformation: tavola rotonda al MuCa di Monfalcone

Digital Transformation: tavola rotonda al MuCa di Monfalcone

Il Museo della Cantieristica ospita, giovedì 17 maggio, un incontro sull’innovazione in azienda.

Leggi
Il PTP dell’Economia del Mare a Barcolana JOB

Il PTP dell’Economia del Mare a Barcolana JOB

Giovedì 5 ottobre 2017 il Polo sarà presentato a Trieste durante l’evento sull’orientamento nel settore del mare.

Leggi

I nostri progetti

Coordinamento tecnico-operativo del Polo

Coordinamento tecnico-operativo del Polo

Il progetto mira a garantire l’attivazione e il presidio alcune funzioni svolte dal Polo dell’Economia del Mare.

Osservatorio sui fabbisogni formativi e professionali

Osservatorio sui fabbisogni formativi e professionali

Uno strumento di analisi e monitoraggio permanente sull’intero territorio regionale.

Progetto Orientamento

Progetto Orientamento

Questo progetto intende creare una sinergia operativa fra i diversi soggetti del polo tecnico-professionale per l’uso efficiente delle risorse umane.

Progetto Alternanza scuola-lavoro

Progetto Alternanza scuola-lavoro

Con questo progetto il polo intende supportare la progettazione e sperimentazione di percorsi di ASL e di impresa simulata.

Riconoscimento e certificazione delle competenze

Riconoscimento e certificazione delle competenze

Tra le attività previste dal progetto, la definizione e realizzazione di nuovi Qualificatori professionali.

Integrazione dell’offerta scolastica e formativa

Integrazione dell’offerta scolastica e formativa

Il progetto intende aumentare il successo formativo con percorsi di qualificazione per lo sviluppo di competenze specifiche.